Ipermetropia

Definizione di ipermetropia

 
Molte persone ritengono di non avere problemi alla vista solo perché vedono nitido a tutte le distanze. Non sanno che la loro visione da lontano è nitida solo grazie ad un artifizio, che provoca immensa fatica. Queste persone utilizzano, per la messa a fuoco degli oggetti lontani, il sistema di “autofocus”.
 

L’autofocus

 
È un sistema presente nell’occhio esclusivamente per mettere a fuoco degli oggetti intermedi e vicini. Quando guardano un paesaggio all’infinito, esse fanno uno sforzo accomodativo simile a quello che compiono gli emmetropi lavorando da vicino o leggendo un libro. Le stesse persone, quando lavorano da vicino o leggono un libro, devono aumentare ulteriormente la quantità d’accomodazione. Lo fanno per soddisfare il naturale bisogno di messa a fuoco a quella distanza.
 

Ipermetropia e malessere

 
La fisica ci insegna che, al cambiare della distanza cambia anche la focale (principio facilmente verificabile nell’uso di una macchina fotografica manuale). Per mettere a fuoco un oggetto a un metro di distanza dagli occhi è infatti necessaria una diottria di lente convessa. Mentre a 25 centimetri ne occorrono quattro. Lo sforzo aggiuntivo che queste persone devono compiere, dopo breve tempo, si trasforma in un senso di malessere generalizzato. Ciò porta a una riduzione notevole delle loro capacità di concentrazione e di mantenimento di un impegno visivo al punto prossimo. Se la persona insiste nel lavoro ravvicinato, molto spesso manifesta pesantezza agli occhi, bruciori, svogliatezza e fastidi nella zona del ciliare, naso-frontale, riferendoli come mal di testa. Tale difetto visivo “latente” riduce notevolmente le performance lavorative ed è tra le maggiori cause degli insuccessi scolastici. Questi soggetti, quando si sottopongono all’esame della vista, inaspettatamente, scoprono d’essere ipermetropi.
 

Conseguenze dell’ipermetria

 
Ottici optometristi e oftalmologi sanno benissimo che molti di questi ipermetropi hanno lentamente rinunciato ai loro hobby e interessi culturali da vicino. Normalmente gli ipermetropi sono accaniti consumatori di analgesici. Se non si decideranno a utilizzare una compensazione ottica, a tutte le distanze, continueranno a rinunciare ai loro interessi da vicino e a inghiottire pastiglie. Ottici optometristi e oftalmologi li vedranno arrivare, ancora giovani, nei loro studi. E qui, gli ipermetropi si lamenteranno di fare fatica a mettere a fuoco da vicino (molto più precocemente dei loro coetanei emmetropi). Successivamente, non metteranno più a fuoco nemmeno gli oggetti lontani, non essendo più in grado di usare l’artifizio dell’autofocus, per la perdita d’elasticità del cristallino.

Guarda gli altri difetti visivi cliccando sulle icone qui sotto

Optometria e Ottica

Specialisti in Visione e Postura.

Optometria e Ottica

Specialisti in Visione e Postura.

AVVISO: Anche in questo momento delicato, rimaniamo aperti in sicurezza. Scopri i nostri oraricliccando qui.
+
Domande? Chatta con noi